Formazione

AEP - Edipo Re illustrato da Hans Erni

Edipo Re illustrato da Hans Erni

FORMAZIONE


La formazione degli psicoanalisti dell'AEP è costituita da una psicoanalisi personale stricto sensu, una psicoanalisi didattica, le supervisioni e la partecipazione regolare a seminari.
L'iter formativo è suddiviso in due parti: una che si svolge in seduta e una fuori seduta.

PARTE SVOLTA IN SEDUTA

  • La psicoanalisi didattica
    Si tratta di un approfondimento dell’analisi personale, in cui il candidato acquisisce le conoscenze specifiche di ordine clinico, teorico e tecnico per l’esercizio della psicoanalisi in sedute lunghe.
    In particolare, ascolta sul divano alcune sue sedute registrate tempo prima dall’analista, per imparare a seguire le concatenazioni associative a partire dal suo materiale personale.
    Al termine della didattica, il candidato è abilitato a esercitare sotto supervisione.
  • Le supervisioni
    Accompagnano le prime duemila ore di pratica, che devono includere due psicoanalisi complete. L’analista all’inizio della pratica fa regolarmente il punto sull’avanzamento del suo lavoro, specialmente sulle resistenze e sulle dinamiche transferali e controtransferali.

PARTE SVOLTA FUORI SEDUTA

  • Stages in una struttura psichiatrica
    Richiesti ai candidati che non siano psicologi o psichiatri, al fine di acquisire un’esperienza clinica equivalente.
  • Lo studio di Freud e dei più significativi Autori della psicoanalisi
  • I seminari di approfondimento didattico
    Si svolgono con regolarità e contribuiscono al perfezionamento delle conoscenze teorico-cliniche.

La Segreteria dell’AEP è a disposizione per ogni informazione supplementare.

I commenti sono chiusi